Prenota
Parchi naturali in Alto Adige
Parchi naturali

I parchi naturali configurano delle aree naturali protette, riconosciute dalla legislazione statale e regionale e, per quanto riguarda le regioni a Statuto speciale anche da quella provinciale. In Alto Adige queste aree naturali, istituite e tutelate con una legge provinciale del 1977, oggi sono ben sette a cui si aggiunge la parte di competenza altoatesina del Parco nazionale dello Stelvio. Le funzioni che la legge riconosce ai Parchi naturali sono quella scientifica di studio dell’ambiente, flora fauna ed ecologia; quella di strumento di difesa delle varietà biologiche; quella formativa e culturale, sia come testimonianza del passato che di memoria per il futuro oltre alla funzione educativa nei confronti della popolazione residente e degli ospiti, nel rispetto della tradizionale antropizzazione, che ha contribuito al mantenimento dell’ambiente naturale. Vi è, al contempo, anche una funzione ricreativa affinché di questi ambienti originali e tutelati tutti ne possano godere con educazione e rispetto. Per quanto riguarda i comuni di Marebbe e di San Martino in Badia, una gran parte dei loro rispettivi territori sono compresi nei Parchi naturali di Fanes Senes e Braies e del Puez Odle. Si tratta di due fra i più bei parchi naturali altoatesini, con caratteristiche anche assai diverse tra loro ma ugualmente affascinanti. L’uno, Fanes Senes Braies è considerato in primis il regno degli animali, con una varietà di fauna, estinta o attuale, dall’Ursus Ladinicus alle prudentissime marmotte, che può essere considerata rappresentativa per l’intera regione delle Dolomiti. L’altro, il Puez Odle, è definito come un  libro di storia della Terra a cielo aperto, grazie al suo territorio che ha conservato, ben più leggibili che altrove anche ad un occhio profano, le strutture e le varie età geologiche delle rocce delle Dolomiti. Qui l’arenaria della Val Gardena, la formazione a Bellerophon, gli strati di La Valle e San Cassiano, la Dolomia dello Sciliar e la formazione di Raibl sono quasi delle fotografie di 250 milioni di anni fa.  

Südtirol